INCISIONE CON LA PUNTASECCA

INCISIONE CON LA PUNTASECCA

Laboratorio di stampa artistica.

Nell’affascinante contesto della Cartiera di Vas, ho partecipato a un laboratorio di stampa artistica sulla tecnica di incisione con puntasecca.

Il workshop è proposto dagli artisti Tullio e Umberto Crosato di Treviso.

La carta, fatta a mano, è messa a disposizione dalla cartiera.

Il programma

Dopo una panoramica sulle tecniche di incisione per la stampa artistica, ognuno di noi ha iniziato a incidere il suo soggetto su una lastra di zinco.

La tecnica si chiama puntasecca proprio perché si incide direttamente sulla lastra senza utilizzare acidi

In un secondo momento, sotto la sapiente guida di Tullio, abbiamo inchiostrato la lastra e poi siamo passati tutti al torchio.

A seconda della pressione che si esercita con la punta, possiamo ottenere tratti più o meno decisi che poi alla stampa risultano sempre con un segno morbido e vellutato, e questa è la caratteristica di un’incisione a puntasecca.

Dopo alcune stampe però si perde la resa ideale. Questo perché attraverso la pulitura della lastra per la successiva inchiostrazione e la pressione del torchio per ogni stampa, i solchi dell’incisione vanno a perdere la loro profondità.

E’ così che le incisioni a puntasecca acquistano ancora più valore per la loro limitata riproduzione.